Trombosi Venosa – Se hai questi sintomi, la tua vita potrebbe essere in pericolo!

Trombosi Venosa – in questo tutorial spiegheremo 6 sintomi di trombosi venosa che tutti dovrebbero conoscere per prevenire eventuali pericoli di vita.. Guarda anche I consigli per smettere di fumare.

DifficoltàDifficile

Trombosi Venosa – visione consentita con un adulto

In questo articolo vi spiegheremo 6 sintomi che tutti dovrebbero conoscere per prevenire un eventuale trombosi venosa.

1.  I grumi di sangue che si formano sotto lividi o ferite li conosciamo tutti: possono essere fastidiosi, ma non c’è niente di cui preoccuparsi. In realtà, ci sono alcuni coaguli di sangue che non sono per niente innocui. Possono causare attacchi di cuore, e rappresentano sintomi ictus e altri gravi problemi di salute. Se avete uno dei seguenti sintomi, dovreste fare un controllo medico approfondito il prima possibile.

 2. Gonfiore o una protuberanza su uno degli arti Nell’arto potrebbe esserci una trombosi venosa o un accumulo di sangue che potrebbe bloccare la circolazione, ridurre l’afflusso di ossigeno necessario per gli organi e, in casi gravi, causare infarti o ictus.

3. Dolori alle gambe Questo è spesso un segnale di trombosi, specialmente se il dolore è simile a quello dei crampi.

 4. Linee rosse sulla pelle Un livido o il graffio che si formano dopo un taglio, nascondono un accumulo di sangue. Ma se notate delle strisce rosse sulla pelle che seguono l’andatura delle vene, non si tratta di una normale contusione. Nel caso le strisce siano calde, dovreste consultare un medico nell’immediato.

5. Dolore al petto quando si respira profondamente Il dolore al petto, invece, può essere un sintomo della presenza di cumuli di sangue nei polmoni, che possono causare embolia polmonare. Anche il battito cardiaco irregolare, unito a spossatezza e fatica a respirare non devono essere trascurati.

6. Tosse persistente e improvvisa Se vi capita di tossire all’improvviso, e non siete influenzati, controllate subito il battito cardiaco. Se appare non regolare, meglio chiamare subito il medico. Nessuno vuole diventare ipocondriaco ma nel caso di questi sei sintomi, può davvero trattarsi di una questione di vita o di morte. Meglio essere prudenti, non trovate?

Per l’articolo integrale consulta Sagace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.