Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 23 settembre

Visione consentita ai minori

Covid-19, il bollettino di oggi 23 settembre 2020 – sono 1640 nuovi casi e 20 morti. Oggi i nuovi contagi salgono a quota 1.640 (+248) ma con un nuovo incremento dei tamponi che superano la soglia dei 100mila. Purtroppo si registrano anche 20 decessi (+6). Gli attualmente contagiati salgono a 46.114 (+625) con 2.658 pazienti ricoverati con sintomi (+54) e 244 in terapia intensiva (+5). Sono in isolamento domiciliare 43.212 pazienti (+566) mentre sono stati dimessi o sono guariti 995 persone. La regione che registra più contagi è la Campania (248), seguita da Lombardia (196) e Lazio (195).“

Vedi anche il bollettino precedente 22 settembre 2020.
Guarda anche la Top List del mese di Aprile, la Top List del mese di Maggio, la Top List del mese di Giugno, Top List del mese di Luglio, Top List Bollettini Agosto e la Top List Bollettini Settembre, “ la lista completa di tutti i bollettini Covid-19, giorno per giorno di tutto il mese di aprile, di maggio e di giugno, utile per una ricerca scolastica, uno studio statistico, ecc. “.

Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 23 settembre

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)

Loading... 

 Bollettino Covid-19 del 23 settembre della Protezione Civile

  • Attualmente positivi: 46.114 (+625)
  • Ricoverati: 2.658 (+54)
  • Ricoverati in terapia intensiva: 244 (+5)
  • Tamponi: 103.696
  • Totali casi: 302.537, nuovi casi: 1.640

    Quanto alle evidenze territoriali si registrano:
  • Lombardia: 105.226 casi totali (9.104 attualmente positivi) (196 nuovi casi)
  • Emilia-Romagna: 34.612 (4.613) (101)
  • Piemonte: 34.575 (2.418) (95)
  • Veneto: 26.154 (3.155) (150)
  • Lazio: 14.975 (6.184) (195)
  • Toscana: 14.060 (3.054) (90)
  • Liguria: 12.769 (1.593) (108)
  • Campania: 10.907 (5.067) (248)
  • Marche: 7.801 (686) (32)
  • Puglia: 7.231 (2.222) (89)
  • Sicilia: 6.234 (2.412) (89)
  • P.A. Trento: 5.783 (560) (22)
  • Friuli Venezia Giulia: 4.461 (710) (57)
  • Abruzzo: 4.249 (760) (22)
  • Sardegna: 3.405 (1.745) (49)
  • P.A. Bolzano: 3.366 (476) (37)
  • Umbria: 2.266 (468) (19)
  • Calabria: 1.887 (505) (19)
  • Valle d’Aosta: 1.284 (58) (2)
  • Basilicata: 669 (192) (17)
  • Molise: 623 (132) (3)

In Lombardia altri 196 casi, continuano a crescere i ricoveri

Prosegue la lotta al coronavirus in Lombardia. Nella giornata di mercoledì 23 settembre sono stati accertati altri 196 casi in tutta la Regione (a fronte di 22.805 tamponi). Tra Milano e hinterland sono state trovate altre 96 persone positive al virus arrivato dalla Cina; all’ombra della Madonnina ne sono state infettate altre 71. I dati sono stati resi noti dalla Regione attraverso il consueto bollettino.

Nelle ultime 24 ore sono diminuiti di una unità i ricoveri in terapia intensiva; in tutta la Regione, complessivamente, ci sono 33 persone nelle rianimazioni. Costantemente continua ad aumentare la pressione nei reparti covid delle strutture sanitarie: in una sola giornata i posti letto occupati dai pazienti sono aumentati di 14 unità per un totale di 308. Negli ospedali della Regione ci sono in tutto 341 persone affette da covid-19.

Nella giornata di oggi non si sono registrati decessi. Il bilancio (ufficiale) è rimasto fermo a quota 16.925 .

Scuola: oltre 30mila tamponi, 400 gli studenti già positivi

In caso di positività degli studenti, scattano le misure d’isolamento dell’intera classe (se l’interessato ha frequentato la scuola nelle ultime 48 ore) e dei familiari e contatti diretti per il periodo di quarantena stabilito dai protocolli anti covid al termine del quale viene eseguito un tampone ai contatti per accertarne la negatività e due tamponi al caso positivo per verificarne l’avvenuta negativizzazione.

“Dall’1 al 18 settembre – spiega l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera – sono stati effettuati 30.257 tamponi a bambini e ragazzi in età scolare (40.14 per bambini del nido, 5.644 per le scuole dell’infanzia, 6.654 per le primarie, 4.235 per le secondarie di primo grado e 9.710 per le secondarie di secondo grado). Sono stati accertati complessivamente 439 positività pari all’1,45 per cento (69 per il nido, 71 per le scuole dell’infanzia, 92 per le primarie, 66 per le secondarie di primo grado e 141 per le secondarie di secondo grado). Da inizio pandemia (febbraio) al 18 settembre, invece, sono stati eseguiti 104.918 tamponi a bambini e ragazzi in età scolare (18.354 per bambini del nido, 15.070 per le scuole dell’infanzia, 22.380 per le primarie, 14.963 per le secondarie di primo grado e 34.251 per le secondarie di secondo grado) , con 2.091 positività pari al 1,99 per cento (332 per bambini del nido, 232 per le scuole dell’infanzia, 429 per le primarie, 289 per le secondarie di primo grado e 809 per le secondarie di secondo grado)”. 

In Lazio – Roma, a Roma 135 nuovi casi, sono 195 in totale nel Lazio

Sono 135 i nuovi casi di coronavirus a Roma, registrati nella giornata del 23 settembre. Secondo i dati di oggi, su oltre 9 mila tamponi nel Lazio si registrano 195 casi in totale e tre i decessi. Quarantacinque, invece, i nuovi contagi nella provincia della Capitale.

“Mantenere alta l’attenzione”, è il monito dell’assessore alla sanità nel Lazio Alessio D’Amato che aggiunge: “Ci attendiamo lieve incremento RT, ma sotto il Valore 1. Dal 24 settembre saranno distribuite le prime 400 mila dosi del vaccino antinfluenzale alle Asl. L’obiettivo è quello di vaccinare 2,4 milioni di cittadini”.

I contagi da coronavirus a Roma
  • Nella Asl Roma 1 sono 55 i casi nelle ultime 24h e di questi cinque sono di rientro, tre con link dalla Sardegna, uno dalla Francia e uno dalla Romania. Ventotto sono i casi con link familiare o contatto di un caso già noto e isolato.
  • Nella Asl Roma 2 sono 49 i casi nelle ultime 24h e tra questi tre sono i casi con link alla comunità del Perù. Sei sono i contatti di casi già noti e isolati e dieci individuati su segnalazione del medico di medicina generale.
  • Nella Asl Roma 3 sono 31 i casi nelle ultime 24h e si tratta di undici casi di rientro, uno con link dalla Sardegna, due dalla Romania, uno dalla Rep. Ceca, uno dalla Spagna, due dalla Campania e quattro con link alla comunità del Perù. Quattordici sono i contatti di casi già noti e isolati. 
I casi di Covid-19 nella provincia della Capitale
  • Nella Asl Roma 4 sono 6 i casi nelle ultime 24h e si tratta di contatti di casi già noti e isolati.
  • Asl Roma 5 sono 19 i casi nelle ultime 24h e si tratta di due casi individuati in fase di pre-ricovero e quindici sono i contatti di casi già noti e isolati.
  • Nella Asl Roma 6 sono 20 i casi nelle ultime 24h e si tratta di diciotto contatti di casi già noti e isolati. 
15 casi e nessun decesso nelle altre città della regione

Nelle province si registrano 15 casi e nessun decesso nelle ultime 24h.

  • Nella Asl di Latina sono quattro i casi e si tratta di un caso di rientro dalla Romania e un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione.
  • Nella Asl di Frosinone si registra un caso.
  • Asl di Rieti si registrano sei casi e si tratta di tre casi con link ad un cluster noto e isolato e un caso di rientro dalla Romania.
  • Nella Asl di Viterbo si registrano quattro casi e si tratta di contatti di casi già noti e isolati.
I casi Covid nel Lazio 

Ad oggi nel Lazio sono 6.184 gli attuali casi positivi al Covid-19, di questi 5.631 sono in isolamento domiciliare. Mentre 521  persone sono ricoverate, di cui 32 in terapia intensiva. Infine, 902 persone sono decedute e 7.889 guarite. In totale sono stati esaminati 14.975 casi. Lo riporta il bollettino della Regione Lazio.

A Roma attivo drive in pediatrico

E’ attivo presso l’ospedale Sant’Eugenio il nuovo drive-in pediatrico nella fascia di età compresa tra 0-6 anni in collegamento con l’ospedale pediatrico Bambino Gesù punto di riferimento per tutte le attività pediatriche (accesso presso il centro prelievi da viale Rhodesia).

Attivo anche il drive-in presso l’IRCCS Santa Lucia (Asl Roma 2 – ingresso da via Ardeatina 354) con l’obiettivo di incrementare la sicurezza e l’inclusione delle persone con disabilità.

Spallanzani: “Ok a test salivari entro fine settimana”

“Entro questo fine settimana daremo il via alla validazione del test salivare”. Lo ha confermato il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia, al programma ‘Radio Anch’io’ su Rai Radio1, in merito ai test messi a punto per rilevare la positività al Coronavirus. Vaia ha sottolineato che “non solo è assolutamente affidabile, ma anche poco invasivo”.

Vaia ha poi precisato che il test “non richiede un doppio prelievo, come accade per il tampone, in quanto la saliva prelevata la prima volta viene usata poi per avere la conferma del risultato”. Il test di conferma molecolare va quindi effettuato, ma sullo stesso prelievo di saliva. Secondo il direttore sanitario il test “non deve essere preso come un dispositivo miracoloso, perché lo standard rimane il test molecolare, ma nelle comunità, come quella scolastica, è importante perché consente di intercettare il caso positivo asintomatico”. A tal fine, ha spiegato, “stiamo lavorando anche a laboratori mobili che possano andare sul campo a fare i test”.

Spallanzani: 110 ricoverati positivi Sars-CoV-2

Sono 110 i pazienti ricoverati allo Spallanzani positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2. Lo spiega lo stesso istituto in una nota. 14 i pazienti in terapia intensiva, mentre i pazienti dimessi o trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono, a questa mattina, 713.

In Puglia sono 89 casi su oltre 4mila tamponi, due vittime a Bari e Taranto

Nuovi casi e due decessi in Puglia. Ci sono 89 nuovi positivi a fronte di 4.014 tamponi effettuati, secondo i dati diffusi dalla Regione sul coronavirus nel bollettino del 23 settembre. 

I contagiati sono così suddivisi:

  • 29 residenti in provincia di Bari;
  • 11 nella Barletta;
  • 2 in provincia di Brindisi;
  • 35 nel Foggiano;
  • 2 in provincia di Lecce;
  • 6 nel Tarantino.
  • Gli ultimi 4 sono residenti fuori regione.

Le 2 vittime registrate in provincia di Bari e di Taranto , entrambi nella fascia di età 80-89, portano il totale a 583. Crescono i guariti, 55 in più rispetto alle comunicazioni di ieri, con la loro somma che va a 4.426. Con queste cifre gli attualmente positivi (casi totali meno decessi e guariti) salgono a 2.222, di cui 214 ricoverati in strutture ospedaliere (11 in terapia intensiva).

 In Toscana altri 88 casi  e due nuovi positivi tra Livorno e provincia

Due nuovi contagi tra Livorno e provincia (uno in città e uno a Collesalvetti). Salgono quindi a 688 le persone risultate positive al SARS-CoV-2 da inizio emergenza nel territorio livornese, mentre in Toscana nelle ultime 24 ore si registrano in tutto 90 nuovi casi (ovvero 16 in più rispetto al precedente monitoraggio), di cui 54 identificati da attività di screening e 36 in corso di tracciamento.

Complessivamente, si tratta tuttavia di una riduzione di casi in termini di percentuale anche se correlata al numero dei tamponi effettuati (positivo l’1,20% dei 7.502 tamponi analizzati contro l’1,49% di ieri quando i tamponi erano stati 5.632). Da segnalare un decesso, con il totale che arriva a 1.153: un dato ormai definitivamente superato dalle guarigioni complessive che, con le 93 di oggi, salgono a 9.853 (il 70,1% dei casi totali).

A proposito delle nuove positività, la Regione fa sapere che l’età media è di 41 anni circa (il 24% ha meno di 26 anni, il 20% tra 26 e 40 anni, il 46% tra 41 e 65 anni, il 10% ha più di 65 anni) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 70% è risultato asintomatico, il 18% pauci-sintomatico. Delle 90 positività odierne, 6 casi sono ricollegabili a rientri dall’estero e uno dalla Sardegna. Il 51% della casistica è infine un contatto collegato a un precedente caso.

Decessi, guarigioni, ricoveri e terapia intensiva

Dopo oltre un mese, torna a ridursi anche il numero dei pazienti in cura in Toscana che sono 3.054 (-0,13 rispetto al +1,33% registrato ieri e al +2,09% del 21 settembre) in virtù dei 14.060 contagiati da inizio emergenza, 9.628 guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”, risultati negativi al test ripetuto per due volte a distanza di 24 ore), 225 guarigioni cliniche (senza più sintomi ma non ancora negativizzati) e 1.153 decessi.

Da segnalare, infine, la situazione dei ricoveri che sono complessivamente 121 (2 in più di ieri e 4 in più del 21 settembre): tra questi sono 97 gli ospedalizzati ordinari (1 in meno di ieri) e 24 in terapia intensiva (tre in più di ieri). In lieve calo, infine, le persone in isolamento domiciliare (2.933, ovvero 6 in meno rispetto a ieri).  

In Campania i positivi sono 248

I positivi al Covid-19 salgono a 10.907 per 248 nuovi casi su 4.901 tamponi (553.231​ dall’inizio della pandemia). Nuova impennata del nuovo contagio nelle ultime 24 ore, alla vigilia della ripresa scolastica. E il numero dei positivi attuali, quindi il numero delle persone attualmente infette, supera la soglia dei 5mila casi: sono 5.067. Nelle stesse ore si registra un notevole incremento di guarigioni, 136, ma la crescita dell’epidemia sta assumendo stabilità e continuità come dimostra il balzo dei ricoveri di queste settimane, anche nei reparti di terapia intensiva.

Il Governatore della Campania in queste ore ha lanciato un segnale al Ministero e al Governo, perché assumano maggiore consapevolezza rispetto a quella che ormai si configura con la seconda ondata dell’epidemia, ormai salita a livelli preoccupanti in molti Paesi europei. Questa mattina il Premier Giuseppe Conte e il Ministro Lucia Azzolina avranno modo di parlarne in occasione della visita in una scuola del casertano, promossa in occasione della ripresa scolastica. Intanto, i dati confermano che la distribuzione del virus sul territorio regionale è omogenea. Il nuovo contagio colpisce certamente il napoletano e il casertano, ma tutte le province sono costantemente investite da nuovi casi e, in talune circostanze, di cluster e mini focolai. Di seguito l’informativa sulla situazione dell’epidemia in Campania e nelle cinque province.

coronavirus-aggiornamento-campania-23-settembre
LA SITUAZIONE CLINICA

Non ci sono vittime da 48 ore in Campania, dopo le 5 dei giorni scorsi. Il totale resta fermo a 457 dall’inizio dell’epidemia. Ma ci sono anche 136 guariti in più, che portano il dato complessivo a 5.383. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio regionale, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute alle ore 17, i pazienti ricoverati con sintomi in Campania sono 356 (-4) in terapia intensiva 22 (-1), mentre 4.689 (+117) si trovano in isolamento domiciliare. I casi attualmente positivi, cioé detratti i guariti e i deceduti, sono 5.067 (+112) contro i 10.907 dall’inizio della pandemia.

POSITIVI AL CORONAVIRUS NELLE PROVINCE

Il Dipartimento della Protezione Civile ha diffuso alle ore 17 l’aggiornamento relativo ai casi positivi al coronavirus nelle province della Campania. Ecco i dati:

  • Napoli 6588 (+191)
  • Caserta 1.614 (+60)
  • Salerno 1.313 (+30)
  • Avellino 756 (+3)
  • Benevento 342 (4)

Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati.

PRIMO GIORNO DI SCUOLA A SAN FELICE A CANCELLO CON IL PREMIER CONTE E IL MINISTRO AZZOLINA

Domani mattina il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina saranno a San Felice a Cancello, in provincia di Caserta per inaugurare l’anno scolastico. Saranno ospiti dell’Istituto Comprensivo «Francesco Gesuè», noto alle cronache nazionali per i ripetuti raid vandalici (25 quelli accertati). Sono in corso le operazioni in preparazione dell’evento. La visita del Presidente del Consiglio vuole rappresentare la vicinanza dello Stato alla preside Teresa Mauro e alle famiglie residenti nel casertano in un momento di forte apprensione anche per l’intensità dell’epidemia in Campania e in Italia.

Consulta le tabelle – Bollettino Covid-19 23 settembre

Una risposta a “Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 23 settembre”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.