Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 04 settembre

Visione consentita ai minori

Covid-19, il bollettino di oggi 04 settembre 2020 – sono1.733 nuovi casi e undici morti. In aumento (+102) i ricoverati per il coronavirus che salgono in totale a 1.607 e un paziente in più in terapia intensiva (in totale sono 121).  In totale sono 28.371 le persone in isolamento domiciliare. I guariti sono aumentati di 537 unità e nel complesso sono 209.027. I pazienti ricoverati sono 1607, quelli in terapia intensiva sono 121. Da ieri in nessuna regione si sono registrati ‘zero’ contagi.

Vedi anche il bollettino precedente 03 settembre 2020.
Guarda anche la Top List del mese di Aprile, la Top List del mese di Maggio, la Top List del mese di Giugno, Top List del mese di Luglio, Top List Bollettini Agosto e la Top List Bollettini Settembre, “ la lista completa di tutti i bollettini Covid-19, giorno per giorno di tutto il mese di aprile, di maggio e di giugno, utile per una ricerca scolastica, uno studio statistico, ecc. “.

Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 04 settembre

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)

Loading... 

 Bollettino Covid-19 del 04 settembre della Protezione Civile

  • Attualmente positivi: 30.099
  • Deceduti: 35.518 (+11, +0,03%)
  • Dimessi/Guariti: 209.027 (+537, +0,26%)
  • Ricoverati: 1.728 (+103)
  • Pazienti in Terapia Intensiva: 121 (+1)
  • Tamponi: 9.034.743 (+113.085)
  • Totale casi: 274.644 (+1.732, +0,63%)

Coronavirus, i dati regione per regione

Ecco i dati divisi per regione: il primo numero riguarda il totale dei casi dall’inizio dell’epidemia, il secondo gli attualmente positivi, mentre il terzo fa riferimento all’incremento avvenuto nelle ultime 24 ore.

  • Lombardia: 101.119 (7.669) (337)
  • Piemonte: 33.146 (1.648) (82)
  • Emilia-Romagna: 32.371 (3.189) (126)
  • Veneto: 23.577 (2.780) (273)
  • Toscana: 12.179 (1.817) (99)
  • Lazio: 11.771 (3.688) (171)
  • Liguria: 11.086 (673) (47)
  • Campania: 7.649 (2.731) (171)
  • Marche: 7.311 (341) (17)
  • Puglia: 5.741 (1.086) (117)
  • P.A. Trento: 5.246 (230) (23)
  • Sicilia: 4.565 (1.284) (78)
  • Friuli Venezia Giulia: 3.854 (412) (23)
  • Abruzzo: 3.853 (471) (25)
  • P.A. Bolzano: 2.973 (209) (11)
  • Sardegna: 2.421 (1.010) (66)
  • Umbria: 1.874 (327) (35)
  • Calabria: 1.577 (313) (19)
  • Valle d’Aosta: 1.249 (35) (2)
  • Basilicata: 548 (108) (7)
  • Molise: 534 (78) (4)

In Lombardia sono 337 nuovi, 6 decessi

Nelle ultime 24 ore si registrano 337 nuovi casi positivi al coronavirus, di cui 65 ‘debolmente positivi’ e 15 a seguito di test sierologico. Lo rende noto Regione Lombardia. Sei le vittime: i decessi complessivi salgono a 16.876.

In Lazio – Roma, su oltre 11 mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 154 casi di questi 111 sono a Roma e si registra anche un decesso

Su oltre 11 mila tamponi effettuati nel Lazio nelle ultime 24 ore si registrano 154 casi, di questi 111 a Roma e si registra anche un decesso. “Si conferma una prevalenza dei casi di rientro e continuano i link dalla Sardegna”, ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato che ha poi aggiunto: “Il valore RT previsto è di 0.76”.
 
Intanto prosegue l’attività dei test sierologici nelle scuole dove sono stati eseguiti circa 17 mila test. Al drive-in lunga sosta all’Aeroporto di Fiumicino, invece, dall’apertura sono stati già effettuati circa 2 mila tamponi rapidi che hanno permesso di individuare 16 positivi.

Montino: “Aumento contagi come nel lockdown”

“Ci stiamo avvicinando agli stessi numeri che abbiamo visto durante il lockdown e il picco della pandemia nel nostro Paese – sottolinea il sindaco di Fiumicino Esterino Montino – ed è una cosa che dobbiamo evitare. Per questo non posso che rinnovare il mio invito a seguire scrupolosamente le tre regole d’oro per il contenimento del contagio: usate la mascherina, lavatevi spesso le mani e mantenete la distanza interpersonale di almeno 1 metro”. “Non sottovalutiamo questi dati – conclude Montino -: impegniamoci tutte e tutti per non fare estendere il contagio”.

Spallanzani: 60 i ricoverati positivi Sars-CoV-2

Sono 60 i pazienti ricoverati allo Spallanzani positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2. Lo spiega lo stesso istituto in una nota. 4 i pazienti in terapia intensiva, i pazienti dimessi o trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono, a questa mattina, 636.

A Fiumicino 150 test e un positivo

Prosegue senza sosta l’attività di testing presso il drive-in allestito nell’area lunga sosta dell’Aeroporto di Fiumicino e presso il Terminal 3 dello scalo. Da mezzanotte a questa mattina sono stati 150 i test rapidi effettuati che hanno permesso di individuare un positivo.

I viaggiatori dimostrano nelle oltre 40 pagine di commenti lasciati al Terminal 3 di gradire l’assistenza ed il servizio offerto dagli operatori: ‘Wonderul assistance’ e ancora ‘Con persone come voi possiamo cambiare il mondo!’, ‘W la sanità italiana’. Lo comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.

“Siamo orgogliosi del grande lavoro che i nostri operatori sanitari stanno facendo per tutto il Paese” ha commentato l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

I casi di coronavirus in tutta al Regione Lazio

Al momento sono 3544 gli attuali positivi al Covid-19 nel Lazio. Di questi, 351 sono ricoverati, 9 sono in terapia intensiva e 3184 sono in isolamento domiciliare. Il numero dei morti, invece, da inizio pandemia è di 879 persone mentre sono 7177 i guariti in totale. Da marzo sono stati registrati 11600 casi in tutta la Regione. 

Tre casi allo scalo di Fiumicino: tornati da una gara di body building

Individuati all’aeroporto di Fiumicino 3 casi positivi: si tratta di 2 uomini e una donna di ritorno da una “competizione internazionale di body building, la Diamond Cup, svoltasi a Malta il 29 e 30 agosto”. Lo rende noto l’Unità di Crisi regionale sulla pagina Facebook di Salute Lazio.

Nel Lazio da settembre potenziati trasporti

La commissione Mobilità del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Eugenio Patanè, oggi si è riunita in modalità telematica per un’audizione sulla situazione del trasporto pubblico locale nella emergenza Covid-19 e nella fase di rientro e di inizio dell’anno scolastico.

Alla seduta sono intervenuti l’assessore regionale Mauro Alessandri e la presidente di Cotral Amalia Colaceci. Il primo ha illustrato le iniziative messe in campo dalla Giunta regionale per garantire i servizi di trasporto in sicurezza, a partire dalle ‘Linee guida operative per gli interventi da realizzare entro il mese di settembre’ in attuazione della Dgr n. 459 del 21 luglio scorso. Si tratta di tre interventi finalizzati ad assicurare il potenziamento dei servizi di mobilità regionale già a partire da settembre.

In Puglia boom di contagi, 117 positivi su 3319 test, 70 solo nel Barese

Boom di positivi al Coronavirus in Puglia: su 3.319 test per l’infezione da Covid-19 sono stati registrati 117 casi positivi:

  • 70 in provincia di Bari
  • 2 in provincia di Brindisi
  • 2 nella provincia Barletta
  • 7 in provincia di Foggia
  • 8 in provincia di Lecce
  • 23 in provincia di Taranto
  • 5 fuori regione

Fortunatamente non sono stati registrati decessi.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 320.159 test. Mentre 4.095 sono i pazienti guariti e 1.086 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 5.741, così suddivisi:

  • 2.059 nella Provincia di Bari
  • 463 nella Provincia di Barletta
  • 710 nella Provincia di Brindisi
  • 1.406 nella Provincia di Foggia
  • 684 nella Provincia di Lecce
  • 370 nella Provincia di Taranto
  • 48 attribuiti a residenti fuori regione
  • 1 provincia di residenza non nota

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

  • Dichiarazione DG Asl Ba, Antonio Sanguedolce: “Nella giornata odierna il nostro Dipartimento di Prevenzione ha registrato 70 casi di positività al virus. Gran parte di questi, 45, sono stati individuati durante l’attività di tracciamento di contatti stretti collegati a casi già noti, mentre i restanti sono emersi in fase di triage in strutture sanitarie”.
  • Dichiarazione del Dg della Asl Bt Alessandro Delle Donne: “Sono 2 i casi registrati oggi nella Bat. Per entrambi sono in corso le indagini epidemiologiche del dipartimento di prevenzione”.
  • Dichiarazione del Dg Asl Brindisi, Giuseppe Pasqualone: “Dei due casi registrati in provincia di Brindisi il primo è un cittadino straniero residente nel nostro territorio: ha effettuato volontariamente un esame sierologico che ha rilevato la presenza di anticorpi e subito dopo è stato sottoposto a tampone. Il secondo, invece, è un contatto stretto di un caso già accertato”.
  • Dichiarazione del Dg della Asl Dg, Vito Piazzolla: “Sono 7 le nuove positività al COVID 19 registrate nelle ultime 24 ore in provincia di Foggia. Si tratta di: 3 persone sintomatiche; 3 contatti di casi già noti; 1 persona individuata durante le attività di screening di pre-ricovero. Il Servizio di Igiene aziendale sta prontamente ricostruendo le catene di contagio e disponendo la sorveglianza sanitaria attiva volontaria”.
  • Dichiarazione del Dg Asl Lecce, Rodolfo Rollo: “Degli 8 casi registrati oggi dal Dipartimento di prevenzione, 6 si riferiscono a persone entrate in stretto contatto con un caso già noto, 2 a cittadini temporaneamente presenti nella nostra provincia, uno dei quali già in isolamento”.
  • Dichiarazione del Dg Asl Ta, Stefano Rossi: “I 23 casi Covid di Taranto sono: 12 legati al focolaio della RSA di Ginosa, a completamento dei tamponi a personale e ospiti; 3 a seguito di triage sindromico effettuati dai medici di medicina di base; 8 da attribuire a cluster di persone le quali avevano parenti positivi. Il dipartimento di prevenzione attraverso i tecnici e medici segue costantemente e responsabilmente il territorio al fine di evitare l’ulteriore diffusione del virus”.
LA DENUNCIA DI ANELLI: USCA NON REPERIBILI

I medici e personale sanitario in Puglia avrebbero difficoltà a mettersi in contatto con le Usca, le Unità speciali per l’assistenza a domicilio dei pazienti Covid, e questo comporterebbe difficoltà nelle «procedure di contenimento della pandemia”: lo denuncia il presidente dell’Ordine dei medici di Bari, Filippo Anelli, in una lettera inviata al direttore generale dell’Asl Bari, Antonio Sanguedolce. Anelli lamenta il fatto che non sarebbe stato “fornito alcun recapito, né altro strumento alternativo, per poter contattare il personale Usca nel momento in cui è necessario richiederne l’attivazione». «Nel migliore dei casi – si legge nel documento inviato questa mattina – tale disservizio ritarda l’avvio delle procedure di contenimento della pandemia Covid–19 e deve essere quindi risolto senza ritardo, rendendo disponibile un numero o un recapito dedicato, e pubblicizzandolo adeguatamente». 

In Toscana altri 90 casi e nove casi tra Livorno e provincia

Nove nuovi contagi tra Livorno e provincia. Salgono quindi a 579 le persone risultate  positive al SARS-CoV-2 da inizio emergenza nel territorio livornese, mentre in Toscana nelle ultime 24 ore si registrano in tutto 99 nuovi casi (ovvero 14 in meno rispetto al precedente monitoraggio).

A proposito delle nuove positività, la Regione fa sapere che l’età media è di 38 anni circa (il 32% ha meno di 26 anni, il 23% tra 26 e 40 anni, il 38% tra 41 e 65 anni, il 7% ha più di 65 anni) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 70% è risultato asintomatico, il 21% pauci-sintomatico. Delle 99 positività odierne, 16 casi sono ricollegabili a rientri dall’estero, di cui 3 per motivi di vacanza (Spagna), sei da altre regioni italiane (5 Sardegna, 1 Sicilia). Il 34% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso.

Complessivamente, si tratta di una riduzione in termini di percentuale se correlata al numero dei tamponi effettuati (positivo l’1,28% dei 7.730 tamponi analizzati contro l’1,42%% di ieri quando i tamponi erano stati 7.960). Nessun decesso da segnalare, inoltre, nell’ultimo bollettino, con il totale resta di 1.143: un dato ormai definitivamente superato dalle guarigioni complessive che, con le 13 di oggi, salgono a 9.219.

Decessi, guarigioni, ricoveri e terapia intensiva

Continua invece a crescere il numero dei pazienti in cura in Toscana che oggi sono 1.817 (+5% rispetto al +5,81%% registrato ieri e al +3,47% del 2 settembre) in virtù degli 12.179 contagiati da inizio emergenza, 9.047 guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”, risultati negativi al test ripetuto per due volte a distanza di 24 ore), 172 guarigioni cliniche (senza più sintomi ma non ancora negativizzati) e 1.143 decessi.

Da segnalare, infine, la situazione dei ricoveri che sono complessivamente 75 (5 in più di ieri e 9 in più del 2 settembre): tra questi sono 67 gli ospedalizzati ordinari (quattro in più rispetto a ieri) e 8 in terapia intensiva (uno in più rispetto a ieri). In aumento, infine, le persone in isolamento domiciliare (1.742, ovvero 81 in più rispetto a ieri).  

In Campania i positivi salgono a 7.649 per 171 casi, di cui 32 rientri da vacanze

I positivi al Covid-19 salgono a 7.649 per 171 nuovi casi riscontrati nelle ultime 24 ore su 6.211 tamponi (442.610 dall’inizio della pandemia). Si mantiene elevato il numero di nuovo contagiati, anche se scende quello relativo ai rientri. Sono solo 32 i casi provenienti da rientri, di cui 10 dalla Sardegna, 15 da Paesi esteri, 7 locali ma connessi a rientri. Sono stati individuati per effetto dell’ordinanza che rende obbligatoria la quarantena automatica per i residenti al rientro (SCARICA il documento in pdf | Ordinanza del Presidente Regione Campania n. 69 del 31/08/2020).

Il trend nazionale nel frattempo peggiora

Con 1.733 casi in un solo giorno, il dato più alto dalla fase 2 con la fine del lockdown. Da segnalare nelle ultime 24 ore un altro decesso, mentre continuano ad aumentare i riconveri per pazienti con sintomi. Nelle ultime 24 ore, inoltre, c’è stato un altro decesso, che porta il totale a 447 vittime da coronavirus.

Nel frattempo, il Governatore della Campania ha cancellato la data del 14 settembre come primo giorno di ripresa delle attività scolastiche sul territorio regionale. Intervenendo durante il consueto briefing online su Facebook, ha fatto sapere che nei prossimi giorni si deciderà il nuovo calendario, valutando l’andamento dell’organizzazione sui territori, dove «i Comuni non sono ancora pronti». Ma anche sottolineato che «occorre il massimo rigore in una Regione che ha una alta densità abitativa come la Campania». Si sta valutando l’ipotesi di una nuova data per l’inizio dell’anno scolastico, quale il 24 settembre, ma non sono escluse altre soluzioni

LA SITUAZIONE CLINICA

Il numero delle vittime sale a 447 per un nuovo decesso nelle ultime 24 ore. Ci sono 19 nuovi guariti, che portano il dato complessivo a 4.471 (di cui 4.466 completamente guariti e 5 clinicamente guariti. Vengono considerati clinicamente guariti i pazienti divenuti asintomatici ma ancora in attesa dei due tamponi consecutivi che ne comprovano la completa guarigione). Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio regionale, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute alle ore 17, i pazienti ricoverati con sintomi in Campania sono 196 (+11) in terapia intensiva (+1), mentre 2.530 (+139) si trovano in isolamento domiciliare. I casi attualmente positivi, cioè detratti i guariti e i deceduti, sono 2.731 (+151) contro i 7.649 dall’inizio della pandemia.

POSITIVI AL CORONAVIRUS NELLE PROVINCE

Il Dipartimento della Protezione Civile ha diffuso alle ore 17 l’aggiornamento relativo ai casi positivi al coronavirus nelle province della Campania. Ecco i dati aggiornati:

  • Napoli 4.589 (+100)
  • Salerno 1.079 (+21)
  • Caserta 1.054 (+28)
  • Avellino 646 (+7)
  • Benevento 252 (+5)

Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi confermati.

SCUOLA IN CAMPANIA, SLITTA LA RIAPERTURA DEL 14 SETTEMBRE, MA LA DATA NUOVA ARRIVA IN SETTIMANA. TERMOSCANNER DAVANTI AGLI ISTITUTI

Le scuole della Campania non riaprono il 14 settembre. Lo ha annunciato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca su Facebook, facendo il punto sull’emergenza coronavirus. Il Governatore ha assicurato il massimo impegno per proteggere le famiglie dal ritorno del virus, riportato nei confini regionali dai viaggiatori di ritorno dai luoghi di villeggiatura, soprattutto all’estero. Non ci sono le condizioni per aprire subito il 14 settembre, come previsto.

Non solo perché i rientri sono ancora in corso, ma anche perché gli enti locali non sono ancora pronti. «Molti Comuni ci hanno comunicato di non essere pronti», ha spiegato in diretta. «Abbiamo stanziato un bonus di 3mila euro per far acquistare alle scuole i termoscanner». Ricordando la riunione di giovedì sera a Napoli con le rappresentanze sanitarie, scolastiche e istituzionali, ha precisato che una data ancora non c’è. «Stiamo valutando in queste ore l’apertura delle scuole», osservando che «la situazione attuale non è tale da consentire l’apertura il 14».

Consulta le tabelle – Bollettino Covid-19 04 settembre

Una risposta a “Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 04 settembre”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.