Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 01 ottobre

Visione consentita ai minori

Covid-19, il bollettino di oggi 01 ottobre 2020 – sono 24 morti e 2.548 nuovi casi, boom in Veneto, Campania e Lombardia. Oggi giovedì si conferma il preoccupante trend in costante aumento del numero dei nuovi casi di positività al Sars-Cov-2 che hanno portato il numero dei pazienti Covid oltre quota 52mila sui livelli di metà maggio, ma allora l’onda era in diminuzione. Oggi si registrano ben 2.548 nuovi casi ma con un numero record di tamponi, 118.236. 291 le persone ricoverate in terapia intensiva (+11), oltre 3mila quelle ricoverate nei reparti Covid. Purtroppo si segnalano ben 24 decessi. Preoccupante l’aumento di contagi in Veneto, ben oltre quota 400 nuovi casi, e Campania (+390) così come in Lombardia (+324). Nessuna regione immune, ma Valle d’Aosta e Molise registrano un solo tampone positivo.

Vedi anche il bollettino precedente 30 settembre 2020.
Guarda anche la Top List del mese di Aprile, la Top List del mese di Maggio, la Top List del mese di Giugno, Top List del mese di Luglio, Top List Bollettini AgostoTop List Bollettini Settembre, e la Top List Bollettino Ottobre. “ la lista completa di tutti i bollettini Covid-19, giorno per giorno, utile per una ricerca scolastica, uno studio statistico, ecc. “.

Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 01 ottobre

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)

Loading... 

Bollettino Covid-19 del 01 ottobre della Protezione Civile

  • Attualmente positivi: 52.647 (+1.384)
  • Deceduti: 35.918 (+24)
  • Dimessi/Guariti: 228.844 (+1.140)
  • Ricoverati: 3.097 (+61)
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 291 (+11)
  • Tamponi: 118.236, in totale 6.916.588 gli italiani testati dall’inizio dell’emergenza
  • Totale casi: 317.409 (+2.548)
bollettino coronavirus oggi 01 ottobre 2020

Quanto alle evidenze regionali oggi si registrano:

  • Lombardia: 107.051 casi totali (9.167 attualmente positivi) (324 nuovi casi)
  • Piemonte: 35.512 (2.907) (110)
  • Emilia-Romagna: 35.414 (4.654) (103)
  • Veneto: 27.896 (3.965) (445)
  • Lazio: 16.740 (7.343) (265)
  • Toscana: 14.971 (3.468) (144)
  • Liguria: 13.446 (1.771) (111)
  • Campania: 13.132 (6.396) (390)
  • Marche: 7.983 (813) (28)
  • Puglia: 7.900 (2.607) (114)
  • Sicilia: 7.274 (2.936) (156)
  • P.A. Trento: 6.040 (594) (48)
  • Friuli Venezia Giulia: 4.723 (759) (57)
  • Abruzzo: 4.449 (909) (30)
  • Sardegna: 3.996 (2.136) (96)
  • P.A. Bolzano: 3.568 (582) (29)
  • Umbria: 2.500 (562) (46)
  • Calabria: 2.002 (537) (17)
  • Valle d’Aosta: 1.315 (69) (1)
  • Basilicata: 841 (338) (33)
  • Molise: 656 (134) (1)

In Lombardia sono 324 i nuovi, 5 decessi

Sono 324 i nuovi positivi al coronavirus in regione, l’1,3% dei 24.691 tamponi processati nell’ultima giornata. I decessi sono 5, con 16.960 morti da inizio emergenza. I ricoverati in terapia intensiva salgono a 35 (+1 da ieri), con i pazienti negli altri reparti che calano a 298 (-8 in una giornata). Il maxi aggregato guariti-dimessi sale a 80.924 (+212 da ieri), con 1.505 dimessi e 79.419 guariti. Sono 168 i nuovi positivi in provincia di Milano, di cui 110 solo a Milano città. In provincia di Varese si contano 39 nuovi positivi, nel Bresciano sono 25 e a Monza e Brianza 22. In provincia di Pavia si scende a 20 nuovi contagi, a Bergamo se ne contano 18. A Como sono 9 i nuovi positivi, a Lodi 8 e a Mantova 5. A un solo contagio ci sono le province di Cremona, Lecco e Sondrio.

In Lazio – Roma, a Roma 151 nuovi casi: sono 265 nel Lazio

Su oltre 11 mila tamponi nel Lazio, secondo i dati di giovedì 1 ottobre, si registrano 265 casi e di questi 151 a Roma. Sono invece cinque i decessi e 65 i guariti. “Bisogna mantenere alta l’attenzione soprattutto nel rispetto del distanziamento sociale”, ha sottolineato l’assessore alla sanità Alessio D’Amato.

“La gran parte dei casi sono legati al mancato rispetto dell’uso della mascherina e del distanziamento. – ha aggiunto – Bisogna fare attenzione soprattutto alle cerimonie, feste e a tutto ciò che porta ad una abbassamento dei livelli di attenzione”. Il valore RT stimato questa settimana è 1.09. 

I casi Covid a Roma dell’1 ottobre
  • Nella Asl Roma 1 sono 59 i casi nelle ultime 24h e di questi trentatre sono i casi con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi.
  • Nella Asl Roma 2 sono 69 casi nelle ultime 24h e tra questi diciassette sono i contatti di casi già noti e isolati, quattro i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale.
  • Nella Asl Roma 3 sono 23 i casi nelle ultime 24h e si tratta di due casi di rientro dalla Croazia, quindici i contatti di casi già noti e isolati. Si registra un decesso. 
I contagi nella provincia della Capitale
  • Nella Asl Roma 4 sono 27 i casi nelle ultime 24h e si tratta di un caso con link dalla Sardegna, ventiquattro i contatti di casi già noti e isolati e due sono i casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione.
  • Asl Roma 5 sono 23 i casi nelle ultime 24h e si tratta di cinque casi con link ad un battesimo dove è in corso l’indagine epidemiologica e otto i contatti di casi già noti e isolati.
  • Nella Asl Roma 6 sono 24 i casi nelle ultime 24h e si tratta di un caso con link dall’Albania. Diciotto i contatti di casi già noti e isolati. 
48 casi nelle altre città del Lazio

Nelle province si registrano 48 casi e un decesso nelle ultime 24h.

  • Nella Asl di Latina sono ventiquattro i casi e si tratta di due casi con link dalla Lombardia, uno dall’Etiopia, quattro dal Trentino, uno dalla Spagna e uno dalla Tunisia. Un caso individuato in fase di pre-ospedalizzazione. Si registra un decesso.
  • Nella Asl di Frosinone si registrano quindici casi e si tratta di dodici contatti di casi già noti e isolati e tre individuati in fase di pre-ospedalizzazione.
  • Asl di Viterbo si registrano sette casi e si tratta di due casi con link dall’Albania, uno dall’Austria e tre sono i contatti di casi già noti e isolati.
  • Nella Asl di Rieti sono due i casi e si tratta di contatti di casi già noti e isolati.
16740 positivi da inizio pandemia

Nel Lazio ad oggi sono 7343 i casi positivi a Covid-19, con 666 ricoverati, a cui si aggiungono 49 pazienti in terapia intensiva. I pazienti in isolamento domiciliare sono 6628, i guariti sono 8303 e i decessi 923. Il totale dei casi esaminati è pari a 16740. 

30mila test negli aeroporti

“Sono circa 30 mila i test antigenici rapidi eseguiti dal 16 agosto ad oggi presso l’aeroporto di Roma Fiumicino e di Roma Ciampino. Di questi i 52,3% sono residenti nella regione Lazio, il 21,8% residenti in altri paesi e il 25,8% residente in altre regioni. Un lavoro importante che ha consentito all’aeroporto di Fiumicino di essere considerato, a livello mondiale, un aeroporto sicuro ed efficiente nel contrasto al COVID-19. Inoltre il drive-in presso il parcheggio lunga sosta dell’aeroporto di Fiumicino, aperto h24 e 7 giorni su 7 non è a disposizione dei soli viaggiatori, ma di tutti i cittadini muniti di prescrizione medica e tessera sanitaria”. Lo comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.

 In Puglia sono 114 nuovi casi, 74 solo nel Barese, un decesso a Foggia

Oggi in Puglia si registrano 114 nuovi casi di Coronavirus, sulla base di 4152 tamponi. Lo comunica la regione che ha diffuso il consueto bollettino, e la maggior parte delle positività si registra nel Barese, dove i casi sono ben 74. I restanti contagi sono distribuiti così:

  • 5 nella Barletta,
  • 1 in provincia di Brindisi,
  • 19 in quella di Foggia,
  •  6 nel Leccese,
  • 8 nel Tarantino, e uno di residenza non nota.

Nel Foggiano si registra anche un decesso.

Per quanto riguarda i casi in provincia di Bari, la Asl locale comunica che si tratta in massima parte di contatti stretti di casi già noti, risultato dell’attività di monitoraggio e tracciamento condotta in maniera capillare da parte delle strutture e del personale impiegato nella sorveglianza epidemiologica.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 413.516 test. 4.697 sono i pazienti guariti. 2.607 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.900, così suddivisi:

  • 3.108 nella Provincia di Bari;
  • 699 nella Provincia di Barletta;
  • 774 nella Provincia di Brindisi;
  • 1.906 nella Provincia di Foggia;
  • 803 nella Provincia di Lecce;
  • 548 nella Provincia di Taranto;
  • 60 attribuiti a residenti fuori regione;
  • 2 provincia di residenza non nota.

In Toscana sono 144 casi e 13 nuovi positivi a Livorno

Quattordici nuovi contagi tra Livorno e provincia (13 in città, 1 a Campiglia Marittima). Salgono quindi a 753 le persone risultate positive al SARS-CoV-2 da inizio emergenza nel territorio livornese, mentre in Toscana nelle ultime 24 ore si registrano in tutto 144 nuovi casi (ovvero 24 in più rispetto al precedente monitoraggio), di cui 78 identificati da attività di screening e 66 in corso di tracciamento.

Complessivamente, si tratta di un aumento di casi anche in termini di percentuale se correlato al numero dei tamponi effettuati (positivo l’1,74% degli 8.253 tamponi analizzati contro l’1,56% di ieri quando i tamponi erano stati 7.703). Da segnalare anche un decesso, con il totale che sale a 1.165: un dato ormai definitivamente superato dalle guarigioni complessive che, con le 77 di oggi, salgono a 10.338 (il 69,1% dei casi totali).

A proposito delle nuove positività, la Regione fa sapere che l’età media è di 41 anni circa (il 18% ha meno di 20 anni, il 27% tra 20 e 39 anni, il 34% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, il 2% ha 80 anni o più) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 65% è risultato asintomatico, il 24% pauci-sintomatico. Delle 144 positività odierne, 6 casi sono ricollegabili a rientri dall’estero e uno dalla Sicilia. Il 47% della casistica è infine un contatto collegato a un precedente caso.

Decessi, guarigioni, ricoveri e terapia intensiva

Per quanto riguarda la situazione attuale, continua a crescere il numero dei pazienti in cura in Toscana che sono 3468 (+1,94% rispetto al +1,01% registrato ieri e al -0,73% del 29 settembre) in virtù dei 14.971 contagiati da inizio emergenza, 10.067 guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”, risultati negativi al test ripetuto per due volte a distanza di 24 ore), 271 guarigioni cliniche (senza più sintomi ma non ancora negativizzati) e 1.165 decessi.

Da segnalare, infine, la situazione dei ricoveri che sono complessivamente 128 (9 in più di ieri, 11 in più del 29 settembre): tra questi sono 106 gli ospedalizzati ordinari (9 in più di ieri) e 22 in terapia intensiva (gli stessi di ieri). In aumento, infine, le persone in isolamento domiciliare (3.340, ovvero 57 in più rispetto a ieri).  

In Campania i positivi salgono per 390 casi, impennata del contagio

I positivi al Covid-19 salgono a 13.132 per 390 nuovi casi su 8.311 tamponi (604.302 dall’inizio della pandemia). I dati comunicati dall’Unità di crisi certificato la maggiore impennata della curva epidemica dalla primavera. Ma in Italia non va meglio con il dato peggiore da maggio: 2.548 nuovi contagiati in 24 ore. L’epidemia è ripartita in tutto il Paese e la ripresa degli esami a buon ritmo negli ospedali e nei laboratori lo dimostra, come il Veneto a 445, la Lombardia a 324, il Lazio a 265, la Sicilia a 156 e la Toscana a 144. In Campania negli ultimi 9 giorni sono stati riscontrati nei laboratori abilitati ben 2.473 positivi in più, in gran parte localizzati nell’area metropolitana di Napoli e Caserta, dove la densità abitativa favorisce la circolazione di un virus che è altamente contagioso. Al momento la stragrande maggioranza dei casi individuati sono asintomatici, benché ci sia una crescita significativa dei ricoveri. 

Questi numeri tengono in allarme il Governatore, pronto ad una nuova stretta sul contenimento. In questi giorni ha spiegato che i margini per evitare i lockdown vanno ormai esaurendosi. La Campania si avvicina a quella prospettiva, mentre le vaccinazioni anti influenzali da oggi e lo screening nelle scuole sugli studenti nei prossimi giorni rappresentano una concreta speranza per non arrivare alla chiusura. La nuova ordinanza, la numero 75 del 29 settembre 2020, blocca la movida, fissando alle 22 il limite per la somministrazione degli alcolici. Dopo aver reintrodotto l’obbligo della mascherina e aver confermato anche la rilevazione obbligatoria della temperatura all’ingresso di uffici e locali pubblici, con l’identificazione dei clienti di esercizi, palestre e ristoranti, si punta a bloccare ogni fonte di possibile infezione, per scongiurare misure più drastiche. Di seguito l’informativa sulla situazione dell’epidemia in Campania e nelle cinque province, quindi i dettagli sulla nuova ordinanza.

coronavirus-aggiornamento-campania-01-ottobre
LA SITUAZIONE CLINICA

Nelle ultime 24 ore non si sono registrati nuovi decessi, dopo 6 nei 6 giorni precedenti. Il totale resta fermo a 463 vittime dall’inizio dell’epidemia. L’Unità di crisi comunica che ci sono anche 107 nuovi guariti, che portano il totale a 6.273. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio regionale, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute alle ore 17, i pazienti ricoverati con sintomi in Campania sono 421 (+7) in terapia intensiva 38 (-1), mentre 5.937 (+277) si trovano in isolamento domiciliare. I casi attualmente positivi, cioè detratti i guariti e i deceduti, sono 6.396 (+283) contro i 13.132 dall’inizio della pandemia.

POSITIVI AL CORONAVIRUS NELLE PROVINCE

Il Dipartimento della Protezione Civile ha diffuso alle ore 17 l’aggiornamento relativo ai casi positivi al coronavirus nelle province della Campania. Ecco i dati:

  • Napoli 8.099 (+301),
  • Caserta 1.891 (+21),
  • Salerno 1.536 (+43),
  • Avellino 835 (+18),
  • Benevento 393. 

Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati.

STATO DI EMERGENZA PER IL COVID-19, VERSO LA PROROGA AL 31 GENNAIO

Si va verso la proroga dello stato di emergenza per il Covid-19 fino al 31 gennaio. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato che sarà prolungato lo stato di emergenza, oggi previsto fino al 15 ottobre. Oltre all’andamento della curva epidemica interna all’Italia e, soprattutto, nell’Europa prossima (dalla Francia alla Spagna, ai Paesi balcanici e adriatici, ma anche considerando il Regno Unito) c’è una sollecitazione dal Comitato tecnico scientifico. La decisione finale arriverà dal Consiglio dei Ministri la prossima settimana, prima dell’approdo in Parlamento.

DUE ANTICORPI BLOCCANO IL CORONAVIRUS. SCOPERTA DI UN GRUPPO INTERNAZIONALE DI SCIENZIATI A WASHINGTON

È stato pubblicato sulla rivista scientifica Science lo studio sugli anticorpi del coronavirus, realizzato da un gruppo di lavoro internazionale guidato dall’Università di Washington. Ne fanno parte anche ricercatori dell’Ospedale Sacco di Milano. Secondo questa ricerca, sono stati trovati due anticorpi, S2E12 e S2M11, che riescono a prevenire il Covid-19 nei criceti. Da questa scoperta potrebbero essere sviluppate terapie in grado di contrastare anche le mutazioni del virus. Questi anticorpi impediscono al virus di attaccare i recettori Ace2, che vengono usati per penetrare all’interno della cellula. Uno dei due anticorpi, S2M11, blocca la proteina Spike, chiave con cui il virus entra nella cellula. Gli anticorpi sono stati isolati tra 800 prelevati da pazienti guariti. L’impiego rappresenterebbe un’evoluzione della terapia del plasma.

Consulta le tabelle – Bollettino Covid-19 01 ottobre

Una risposta a “Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 01 ottobre”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.