Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 30 marzo

Bollettino Covid-19: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio nazionale i casi totali sono 101739, al momento sono 75528 le persone che risultano positive al virus. Le persone guarite sono 14620.
Guarda anche il Bollettino precedente 29 marzo 2020 Covid-19

Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 30 marzo
DifficoltàMedia

Bollettino Covid-19 – Visione consentita con un adulto

I pazienti ricoverati con sintomi sono 27795, in terapia intensiva 3981, mentre 43752 si trovano in isolamento domiciliare.

I deceduti sono 11591, questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso.

“Siamo ancora nel pieno dell’epidemia. Sarebbe un grave errore abbassare la guardia proprio ora”. Lo dichiara il ministro della Salute, Roberto Speranza, in un colloquio con il Corriere della Sera. “Si finirebbe per vanificare quanto fatto fino ad oggi. I sacrifici di queste settimane sono seri. Gli epidemiologici affermano che si vedono i primi effetti del contenimento. Non siamo però ancora al cambio di fase. Servirà tempo e gradualità”, aggiunge Speranza.

È necessario fare ancora di più per contenere il contagio. Garantire un efficace distanziamento sociale è fondamentale per combattere la diffusione del virus. Il comportamento di ciascuno è essenziale per vincere la battaglia.

E’ fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute.

Di seguito le misure stabilite nell’ordinanza, che avranno validità fino al 25 marzo:

Per approfondimenti consulta le tabelle Situazione Italia al 30 marzo.

2 Risposte a “Bollettino Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 30 marzo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.