5 Alberi Misteriosi che provengono dall’Inferno

In questo tutorial mostreremo 5 Alberi Misteriosi che provengono dall’Inferno.
Guarda anche 5 Invenzioni che tra poco cambieranno il Mondo.

DifficoltàMedia

Alberi Misteriosi – Visione consentita con un adulto

Il canto tredicesimo dell’Inferno di Dante Alighieri si svolge nel secondo girone del settimo cerchio, dove sono puniti i violenti contro sé stessi; siamo all’alba del 9 aprile 1300 (Sabato Santo), o secondo altri commentatori del 26 marzo 1300.

Dante e Virgilio, attraversato il Flegetonte grazie all’aiuto del centauro Nesso, incontrato nel precedente canto, si ritrovano in un bosco tenebroso (l’intero episodio ha un precedente nell’Eneide virgiliana, al canto III, vv. 22 sgg.). 

Dante “coglie” un ramicello da un grande arbusto e viene sorpreso dal grido “Perché mi schiante?” seguito dal fuoriuscire di sangue marrone dal punto reciso. Di nuovo arrivano parole dalla pianta “Perché mi scerpi? / non hai tu spirto di pietade alcuno? / Uomini fummo, e or siam fatti sterpi” (vv. 35-37) cioè “perché mi laceri? Eravamo uomini e ora siamo piante, perciò la tua mano dovrebbe essere più clemente”. Al che Dante impaurito lascia subito il ramo.

La figura dell’albero sanguinante è ripresa dal III canto dell’Eneide, dove si narra dell’episodio di PolidoroEnea, sbarcato sulle rive del mare di Tracia, vuole preparare un’ara e strappa alcuni rami da una pianta, ma dal legno troncato esce sangue, seguito, dopo alcuni tentativi, dalle parole di Polidoro, l’ultimogenito di re Priamo, che in segreto lo aveva affidato al re di Tracia affidandogli un’ingente quantità d’oro perché Troia era sotto assedio. Egli si è trasformato in pianta dopo essere stato trucidato e crivellato dalle frecce di Polimestore per impadronirsi del suo oro. Polidoro a questo punto invita Enea a lasciare al più presto quella terra maledetta. Al verso 48 Dante ammette di aver usato come fonte Virgilio, anzi è il poeta stesso che dice come quella scena Dante l’abbia veduta già nella “sua” rima.

A questo punto Virgilio dice che se Dante avesse saputo non avrebbe tagliato il ramoscello, ma in verità era necessario che Dante lo recidesse per il processo pedagogico della Commedia, affinché conoscesse la pena di questi dannati e promette che comunque in riparazione del danno, se vorrà presentarsi, Dante potrà ricordarlo tra i vivi.  

Per approfondimenti consultare Wikipedia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com